Pate ITspenden IT
Pagina di arrivo » Progetti » Acqua-Vita-Pace

Risorse idriche minacciate da agenti tossici ambientali e tossine.

 

Gli agenti tossici ambientali piombo e mercurio, nonché i pesticidi e i radionuclidi rappresentano una minaccia per le acque e per il suolo. Il programma l'Acqua per la Vita e la Pace comprende interventi tecnici, la formazione di gruppi fra la popolazione colpita nonché lo sviluppo e il rafforzamento di capacità istituzionali, misure che promuovono il mantenimento di risorse idriche vitali e l'accesso a un'acqua potabile pulita.

 

Mediante interventi tecnici sono state elaborate e messe in atto soluzioni per ovviare alla contaminazione massiva del bacino idrografico del fiume Marilao e per il risanamento delle basi militari Clark e Subic Bay nelle Filippine. Scopo dei progetti locali in Rudnaya Pristan, nell'estremità orientale della Russia, e a Mailuu Suu (Kirghizistan) come pure del risanamento di miniere di uranio in Tagikistan, è il ripristino delle risorse idriche contaminate. Altri progetti a Thiaroye sur Mer (Senegal) e a Dong-Mai (Vietnam) si occupano della contaminazione da piombo mediante il riciclo di batterie per autoveicoli.

 

A Green Cross Svizzera è stato affidato il monitoraggio e la valutazione di progetti per lo smaltimento di pesticidi in dieci Paesi sul territorio dell'ex Unione Sovietica nonché l'elaborazione di linee direttive per la gestione di pesticidi e di rifiuti inquinanti. Vi è un serio rischio che i pesticidi difficilmente degradabili - POP (persistent organic pollutants), penetrino nelle acque sotterranee e superficiali. A scopo preventivo, in Europa orientale, nel Caucaso, in Asia centrale e in Africa occidentale vengono realizzati progetti per l'eliminazione di vecchi pesticidi. Gli obiettivi sono i seguenti: informare la popolazione circa i pericoli dei pesticidi, formare esperti in grado di smaltire prodotti chimici in modo sicuro, nonché introdurre alternative al controllo dei parassiti.

 

Il programma l‘Acqua per la Vita e la Pace è sviluppato e realizzato da Green Cross e diretto dal Dott. Stephan Robinson in collaborazione con il Blacksmith Institute, UNEP, FAO, OMS, la Banca Mondiale e partner locali. La Direzione dello sviluppo e della cooperazione (DSC) del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), il Global Environment Facility (GEF) nonché diversi sponsor forniscono supporto al programma.

Versteigerte Climate-ART-Skulptur erzielte
20 000 Franken

 

Für ihre grosszügige Spende zugunsten unseres Projektes «Nachhaltige und CO2-neutrale Wasserversorgung in Burkina Faso» danken wir:

 

Blue Tech, Winterthur; Briner AG, Winterthur; Clean Tech Invest AG, St. Gallen; Counselnet AG, Baar; Hausammann René; Isliker Peter; Isliker Magnete AG, Andelfingen; Kuoni AG, Zürich; Leue & Nill International (Schweiz) AG, Zürich; Leplan AG, Winterthur; Stadler Winterthur AG, Winterthur; SIGG AG, Frauenfeld; Kurt Wyssmüller

 

Diese Donatoren haben an der Gruppenauktion an der Blue Tech in Winterthur am 19. September 2009 für die Climate-ART-Skulptur Sunpower insgesamt 20 000 Franken geboten. Der Verkaufserlös wird nun für das Green-Cross-Wasserprojekt in Burkina Faso eingesetzt.

 

Conto per le offerte a Green Cross Svizzera: PC 80-576-7 IBAN CH02 0900 0000 8000 0576 7